Chiara Ferragni promuove il Chiosco di Prada che regala fiori

La settimana della moda si sta sempre di più avvicinando (inizierà infatti il 19 Settembre) e, per l’occasione, i brand di Miuccia Prada e Raf Simons hanno creato un’iniziativa molto particolare che riguarda la città di Milano, utilizzando una simbologia associata proprio alla bellezza!

Il chiosco di Prada che regala fiori

A Piazza della Repubblica di Milano è stato istituito un chiosco temporaneo che distribuisce gratuitamente dei box di latta contenenti semi di fiori da piantare. Si tratta di un omaggio da parte della compagnia ed è un invito a seminare e a diffondere bellezza nel mondo. Inutile dire che la cosa è stata accolta con grandissimo entusiasmo e numerose persone si sono precipitate a prendere i fiori fino ad esaurimento scorte. Ad andare a ruba sono soprattutto i fiori bianchi grazie al loro importante significato, ma alla fine nessuna specie di fiore permette agli acquirenti di resistere attraverso questa iniziativa che è stata definita meravigliosa. L’iniziativa non è stata intrapresa solo a Milano, ma anche nelle città di Londra, Tokyo, Dubay, New York e Parigi.

Chiara Ferragni promuove il chiosco di Prada

Ad unirsi a questa iniziativa è niente di meno che Chiara Ferragni, l’influencer più famosa dell’Italia con oltre 29 milioni di follower, la quale ha deciso di essere fioraia per una giornata, regalando lei stessa i fiori alla gente. Chiara Ferragni ha infatti pubblicato una foto in cui si vede lei davanti al negozio di Prada ed ha postato queste parole per promuovere il tutto:

“E se in un universo parallelo Prada vendesse fiori e io fossi la tua fioraia? 😍 Oggi mi sono fermata al nuovo chiosco di fiori PradaFW23 a Milano in Piazza della Repubblica 7 che celebra la nuova campagna FW23. 🌻 Questo e altri chioschi saranno aperti per giorni limitati in tutto il mondo, quindi visitateli e prendete alcuni di questi graziosi semi di fiori.”

L’iniziativa di Prada sarà ancora disponibile in tutto il mondo fino a stasera.

Impostazioni privacy