Loading...

Giornale Social Logo Giornale Social
Sei qui: Giornale Social » Ultima Generazione: diventa nera l’acqua della Fontana di Trevi

Ultima Generazione: diventa nera l’acqua della Fontana di Trevi

Da Elisa Cappanori

Maggio 23, 2023

Ultima Generazione: diventa nera l’acqua della Fontana di Trevi
google news

La storica e iconica Fontana di Trevi a Roma è diventata il luogo di una protesta domenica 21 maggio 2023, quando gli attivisti per il clima hanno reso la sua acqua nera per protestare contro l’industria dei combustibili fossili.

Ultima Generazione: diventa nera l’acqua della Fontana di Trevi

Gli attivisti per il clima di Ultima Generazione hanno protestato a Roma la scorsa domenica, 21 maggio 2023. Il luogo scelto per la protesta è stata la simbolica Fontana di Trevi, la cui acqua è diventata nera a causa del carbone vegetale versato al suo interno. I manifestanti di Ultima Generazione chiedevano lo stop immediato ai sussidi destinati all’industria dei combustibili fossili.

Nei video che circolano sui social network si vedono i manifestanti che saltano nella fontana e rilasciano la sostanza nera dai secchi, e subito dopo mostrano cartelli anti-combustibili fossili alla folla che intanto si era radunata intorno a loro.

I motivi della protesta di Ultima Generazione

Il motivo della protesta, ha affermato il gruppo di giovani attivisti, è legato agli impatti sempre più visibili del cambiamento climatico, si pensi alle recenti inondazioni che hanno devastato l’Emilia Romagna. Almeno 14 persone hanno perso la vita a causa delle inondazioni, spiegano gli attivisti, e migliaia hanno dovuto abbandonare le proprie case.

A livello nazionale, circa un quarto di tutte le abitazioni è a rischio allagamento, con un danno totale stimato di circa 3 miliardi di euro ogni anno, ha affermato il gruppo citando un recente studio della Banca d’Italia.

La decisione della protesta è stata anche collegata all’annuncio della scorsa settimana dell’Organizzazione meteorologica mondiale. È più probabile che mai che entro i prossimi cinque anni il pianeta supererà di 1,5 gradi Celsius le temperature dei tempi preindustriali.

Questa soglia segna una pietra miliare di cui gli scienziati hanno messo in guardia per anni. Quando una quantità di calore simile si verificherà regolarmente, il mondo sperimenterà ondate di calore, siccità e inondazioni sempre più frequenti e gravi.

È chiaro che si debba fare qualcosa di concreto subito. Anche l’impegno dei singoli cittadini è fondamentale: molte cose che ignoriamo possono fare la differenza, ad esempio in pochi sanno che scegliere con cura il miglior isolante termico per pareti interne può ridurre l’impatto ambientale.

Ultima Generazione ha infine affermato che la Fontana di Trevi, così come tutti i precedenti luoghi di protesta da parte del gruppo, non ha subito alcun danno. Invece, ad essere effettivamente danneggiato è il patrimonio culturale dell’Emilia-Romagna.

Elisa Cappanori Avatar

Elisa Cappanori

Laureata in Comunicazione. Appassionata di cinema, musica, letteratura e curiosa di conoscere sempre cosa sta accadendo nel mondo.