Il tasso di disoccupazione scende in Italia

In Italia è difficile trovare lavoro e possono volerci molti mesi prima di riuscire ad ottenere le prestazioni di disoccupazione. Tuttavia sembra che nell’ultimo periodo la penisola sia stata più fortunata per quanto riguarda l’aumento del numero di occupati.

Il tasso di disoccupazione scende in italia

Le nuove statistiche pubblicate dall’Instat dimostrano che il numero di persone disoccupate, rispetto al mese di maggio 2023, è diminuito del 2,3% per quanto riguarda sia gli uomini che le donne, ottenendo un dato finale che vede una diminuzione del 7,4%. Anche il tasso di disoccupazione giovanile è migliorato, scendendo al 21,3%. Se invece si paragonano i dati con quelli riportati nel periodo di giugno 2022 la disoccupazione è scesa dell’8,7% per quanto riguarda una fascia di età compresa tra i 15 ed i 64 anni, sia per le donne che per gli uomini. Sembra che questo sia dovuto ad una maggiore propensione di assunzione a causa di numerose mancanze di personale, aumentate per colpa di numerosi salari ritenuti inefficaci da numerose persone che chiedono un compenso equo per le loro mansioni svolte.

Il tasso di occupazione aumenta in Italia

Con la diminuzione dei disoccupati, aumenta di conseguenza il numero di occupati: sempre secondo l’Istat, il numero di uomini e di donne che hanno trovato lavoro è aumentato del 61,5% rispetto al mese precedente. Paragonando i dati di giugno 2022 con quelli di giugno 2023, quest’ultimo ha superato l’anno precedente con una percentuale che arriva all’1,5%. Non tutte le persone tuttavia hanno usufruito della crescita, dal momento che è esclusa l’età che va dai 35 ai 49 anni a causa della dinamica democrafica negativa. Tuttavia, nonostante l’elemento appena citato, la crescita delle persone che hanno trovato lavoro è arrivata a 23 milioni e 590.000 individui. Questi dati possono essere molto soddisfacenti per aspettarsi una crescita lavorativa costante, in modo da migliorare le condizioni dei disoccupati nello stato nostrano.

 

Impostazioni privacy