Colledara: una parrocchia crea una raccolta fondi per il riscaldamento

Una piccola comunità a Colledara sta affrontando un disagio che potrebbe risultare molto difficile durante l’arrivo dell’inverno: manca infatti un impianto di riscaldamento che possa funzionare nella chiesa parrocchiale della comunità. Per cercare di prevenire a questa enorme mancanza, è stato deciso di chiedere l’aiuto delle persone per risolvere questo problema.

La raccolta fondi per la parrocchia di Colledara

Il Consiglio Pastorale della Parrocchia di San Paolo ha deciso di lanciare una raccolta fondi su suggerimento del parroco Don Jackson Pierre, in modo da lanciare un appello alla comunità. Queste infatti sono le parole attraverso cui è stato dato l’annuncio:

“Da anni la comunità parrocchiale vive il disagio della mancanza dell’impianto di riscaldamento della Chiesa durante i freddi mesi invernali. Per questo motivo ci siamo attivati adesso per trovare una soluzione e realizzare un impianto di riscaldamento efficace ed economicamente sostenibile. La povertà dei nostri mezzi ci ha spinto a chiedere il vostro aiuto per finanziare l’intervento. Fiduciosi che la Grazia di Dio possa illuminare il vostri cuori, vi ringraziamo in anticipo per la vostra disponibilità e collaborazione.”

Come aiutare la raccolta fondi della chiesa di Colledara

I membri della parrocchia hanno dichiarato che non è importante che modello di caldaia sia: che si tratti di un impianto tradizionale o di una caldaia a pompa (anche se quest’ultima potrebbe essere meno dispendiosa), l’importante è che possa arrivare per l’inverno in modo da riscaldare i fedeli. Per realizzare questa raccolta fondi è stata scelta la piattaforma di crowdfunding “GoFundMe“.

La decisione di ricorrere ad una piattaforma online vuole mostrare la volontà di riuscire a coinvolgere più persone possibile, non solo per aumentare il sostegno dell’iniziativa, ma anche per contribuire a realizzare un senso di partecipazione e di appartenenza che è l’obiettivo della parrocchia da molti anni. Per il momento la somma raggiunta dalla raccolta è arrivata a 1.185 euro grazie al sostegno delle persone.

Impostazioni privacy