Bonus mobili ed elettrodomestici 2023: cos’è e come funziona

Il bonus mobili ed elettrodomestici è stato introdotto nel 2022 e sarà valido anche nel 2023 e 2024, sebbene con qualche modifica degli importi. Di seguito tutte le informazioni a proposito di cos’è, come funziona e come fare domanda.

Bonus mobili ed elettrodomestici 2023: cos’è

Il Bonus mobili ed elettrodomestici è una misura riconfermata per l’anno 2023 che consiste nella detrazione Irpef per l’acquisto di monili e/o di grandi elettrodomestici, come lavatrici, forni, frigoriferi, e tanto altro.

Non si tratta quindi di un voucher ma di una detrazione fiscale, gli importi del bonus saranno sottratti all’ammontare dell’Imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef). Nel 2022, anno in cui la misura è stata introdotta, l’importo massimo sul quale applicare la detrazione era 10.000 euro. Per il 2023 e il 2024 il massimale è invece sceso a 5.000 euro, e comprende anche le eventuali spese di trasporto e montaggio.

Per poter usufruire della detrazione prevista dal bonus mobili ed elettrodomestici, si deve procedere all’acquisto entro e non oltre il 31 dicembre 2024. Il pagamento deve inoltre essere effettuato tramite bonifico, carta di credito o carta di debito; altri metodi di pagamento, come contanti e assegni bancari, non saranno considerati validi.

Come funziona il bonus mobili ed elettrodomestici 2023

Il bonus mobili ed elettrodomestici interessa coloro che necessitano di acquistare elettrodomestici per arredare un immobile in ristrutturazione. Quindi, non ci sono requisiti di ISEE ma comunque non è una misura aperta a tutti. I lavori di ristrutturazione devono inoltre avere avuto inizio a partire dal 1° gennaio dell’anno precedente.

Gli elettrodomestici che si possono acquistare con il bonus devono rispettare dei requisiti legati alla classe energetica degli stessi. La classe energetica degli elettrodomestici influisce sul loro consumo e sulle emissioni di CO2 nell’ambiente. Attraverso scelte di acquisto consapevoli non soltanto si accede al bonus, ma si riducono le bollette e si abbraccia uno stile di vita più sostenibile. Potrebbe essere l’occasione giusta per sostituire gli elettrodomestici che consumano di più con nuovi modelli meno energivori e più green.

Trattasi di:

  • forni non inferiori alla classe A,
  • lavatrici, lavasciugatrici e lavastoviglie non inferiori alla classe E,
  • frigoriferi e congelatori non inferiori alla classe F.

La scheda informativa per sapere come richiedere l’agevolazione su mobili ed elettrodomestici è stata pubblicata sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Impostazioni privacy